Achille Lauro, la nave che batteva falsa bandiera

Bettino Craxi ha mentito sulle vicende Achille Lauro e Sigonella, Marco Travaglio ha coperto la menzogna con un’altra menzogna.

La versione ebraica del dirottamento dell’Achille Lauro, 7 ottobre 1985

Quattro terroristi palestinesi armati fino ai denti dirottano nel mese di ottobre la nave da crociera italiana Achille Lauro, che trasportava più di 400 passeggeri e l’equipaggio al largo delle coste dell’Egitto. I pirati chiedono che Israele rilasci 50 prigionieri palestinesi. I terroristi uccidono un turista americano paralitico di 69 anni, Leon Klinghoffer, e gettano il suo corpo in mare con la sua sedia a rotelle.

Dopo un dramma di due giorni, i pirati si arrendono in cambio di una promessa di “transito sicuro”. Ma quando un jet egiziano cerca di liberare i terroristi, un aereo da caccia F-14 della US Navy li intercetta e li costringe ad atterrare in Sicilia. I terroristi vengono arrestati dalle autorità italiane. Le unità di contro-terrorismo americano reagiscono, con un’azione della Delta force e della SEAL Team Six, tuttavia, la situazione viene risolta diplomaticamente prima che un attacco si renda necessario. Il gruppo terroristico che ha dirottato l’Achille Lauro era del Fronte per la Liberazione della Palestina.

Cos’è successo realmente

Il dirottamento della nave da crociera italiana Achille Lauro da parte di “terroristi palestinesi” è stato poi riportato con precisione dall’ex commerciante di armi IDF Ari Ben-Menashe nel suo libro del 1992 “profitti di guerra” come commissionato e finanziato dal Mossad.

Ben-Menashe ha rivelato che le organizzazioni di intelligence israeliane erano regolarmente impegnate in “black operations”, attività di spionaggio atte a mostrare i palestinesi nella peggiore luce possibile. “Un esempio” scrive Ben-Menashe, “è il caso di un attacco Palestinese contro la nave da crociera Achille Lauro nel 1985 che fu invece una black operation Israeliana per mostrare che i palestinesi come feroci assassini. Secondo Ben-Menashe, i maestri di spionaggio israeliano avevano organizzato l’attacco attraverso Abu Abbas, che per seguire tali ordini ricevette milioni di dollari da funzionari dei servizi segreti israeliani che si facevano passare per “insegnanti siciliani”. Abbas riuni’ quindi un team per attaccare la nave da crociera. Fu ordinato al commando di fare il “peggio possibile”, per mostrare agli altri ignari cittadini di cosa fossero capaci i palestinesi se le loro richieste non venivano soddisfatte.

Come è noto, il gruppo scelse un vecchio cittadino degli Stati Uniti ebreo in una sedia a rotelle, lo uccise e getto’ il suo corpo in mare. Lo fecero per uno scopo ben preciso. Per Israele fu la migliore propaganda anti-palestinese. E’ interessante notare che nel mese di aprile del 1996, Abbas tornò a Gaza e in un incontro di sostegno ad Arafat, si scusò per il dirottamento e l’uccisione del cittadino ebreo statunitense Leon Klinghoffer, ma senza menzionare il suo nome, dicendo: “Il dirottamento è stato un errore e non c’era nessun ordine di uccidere i civili.” Abbas non fece ovviamente alcuna menzione del coinvolgimento del Mossad nel dirottamento, un racconto riportato anche il 23 aprile 1996 dall’Associated Press.

C’è pero’ un punto ancora più oscuro: secondo il ricercatore italiano Gianfranco Carpeoro, il famoso “paralitico ebreo” Leon Klinghoffer sarebbe anche lui legato ad una frangia del Mossad, la B’nai B’rith e apparteneva alla massoneria ebraica, con legami stretti con la CIA. Klinghoffer partecipo’ anche, come aviatore del 93rd Bombardment Group, ai bombardamenti americani nei teatri europei durante II guerra mondiale.

Non è quindi fuori luogo immaginare che tutta la vicenda dell’Achille Lauro possa essere una macchinazione ben organizzata dalla CIA e dal Mossad, la morte di Klinghoffer, potrebbe essere un’invenzione, o se vera, potrebbe nascondere un “cambio della guardia”, un rinnovamento pianificato al comando del Mossad.

Non si sfugge alla logica, se il commando era davvero formato da palestinesi, questi non avrebbero mai ucciso una persona a caso, se invece si tratta di un ennesimo false flag del Mossad per infangare l’immagine dei palestinesi, si puo star certi che Klinghoffer non è stato liquidato a caso.

Questi retroscena, Bettino Craxi faceva bene ad ignorarli per salvarsi la pelle, e i giornalisti sionisti come Marco Travaglio lo nascondono per mestiere.

Come Israele infiltrava la lotta armata palestinese: Nidal (CIA e Mossad)

altre fonti

http://www.alterinfo.net/Abu-Nidal-Terroriste-du-Mossad_a10214.html

http://www.libreidee.org/2015/02/la-vera-storia-della-fine-di-craxi-e-leuro-rovina-dellitalia/

http://hugequestions.com/Eric/JIB/abu-nidal-I.html

http://www.real-debt-elimination.com/real_freedom/Propaganda/false_flag_attacks/abu_nidal_mossad_terrorist.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nomachine *